ONDE D'URTO

Le onde d'urto sono onde acustiche (impulsi sonori) di breve durata e di elevata pressione in grado di produrre un’azione meccanica diretta sui tessuti in cui si propagano.
Oltre a possedere proprietà benefiche di tipo antinfiammatorio, antidolorifico e antiedemigeno su tendini, legamenti e tessuti molli, le onde d’urto vengono utilizzate per stimolare la rigenerazione ossea dopo una frattura e la rigenerazione cutanea, accelerando il processo di guarigione di piaghe, ulcere e ferite di varia origine.

I tessuti, quando vengono attraversati dalle onde d’urto, subiscono un benefico microidromassaggio profondo che innesca una serie di reazioni biochimiche e cellulari che hanno effetto terapeutico.
le onde d’urto provocano la produzione di sostanze ad azione antinfiammatoria e di fattori di crescita, che stimolano la rigenerazione dei tessuti stessi, a partire dalle cellule staminali.
In altri termini, le onde d’urto producono una reazione dei tessuti coinvolti che spesso conduce alla guarigione della patologia infiammatoria e/o degenerativa. Il trattamento serve solo a innescare il processo biologico di rigenerazione tissutale che si completerà nel corso delle settimane successive.


Le onde d’urto rappresentano una valida soluzione per molte patologie ortopediche, sia acute che croniche. In entrambi i casi infatti l’effetto antidolorifico, che può essere anche immediato, si combina a una vera e propria azione curativa tissutale su tendini, legamenti e osso.
In ambito ortopedico le onde d’urto vengono impiegate principalmente per trattare le seguenti patologie sia in fase acuta che cronica:
- patologie infiammatorie e degenerative dei tendini (con o senza calcificazioni);
- epicondilite (gomito del tennista)
- epitrocleite (gomito del golfista)
- patologie della colonna e dell'anca (trocanterite, cruralgia...)
- patologie del ginocchio
- patologie del tendine Achilleo                                                                                

- fascite plantare 
- spina o sperone calcaneare

Le onde d'urto eseguite secondo i protocolli terapeutici della SITOD (Societa' Italiana di Terapia ad Onde D'urto) vengono generalmente ben tollerate dal paziente nonostante possano essere anche discretamente dolorose, soprattutto quando il trattamento coinvolge i tessuti molli.

Il trattamento con onde d'urto è una metodica efficace, sicura e non invasiva, che si svolge in ambito ambulatoriale e viene eseguita da personale con specifica competenza in materia con apparecchiature di ultima generazione.

Le controindicazioni che ne sconsigliano l’utilizzo sono le seguenti:

- quando si è vicino ad encefalo, midollo spinale o gonadi;
- quando si è vicino ad una zona in cui sono presenti patologie tumorali o tromboflebiti;
- quando si è vicino ad organi cavi come polmone e intestino;
- quando si è vicino a cartilagini ancora in fase di accrescimento;
- quando il paziente è portatore di pacemaker o di altri tipi di elettrostimolatori;
- quando il paziente presenta malattie o alterazioni della coagulazione del sangue;
- quando la paziente è in gravidanza.